martedì 23 febbraio 2010

Giornalista Prêt- à - porter

Cosa esattamente abbia voluto dimostrare Vespa ieri sera, in apertura di trasmissione, pochi lo hanno capito. Io non sono tra questi.
Il battagliero, impavido, imparziale giornalista degli scoop sui calendari, le diete, i nuovi concorrenti di "Ballando con le stelle" e i cantanti che fumano crack, avrebbe, credo, voluto rendere il "torto" subito durante l'apertura di Annozero, quando era stato mostrato il video della sua intervista (?) al Presidente del Consiglio, in ambiente "marchetta libro", accompagnato dalle ironiche parole del giornalista Santoro. La sua espressione lasciava intendere di essere riuscito (con maggiore eleganza rispetto all'altro, ça va sans dire
) nel suo intento, ma a me francamente sfugge il senso di questa presunta dimostrazione delle efferatezze santoriane.
Ho deciso di segnalare il video, per vedere se qualcuno dei lettori di questo blog può aiutarmi a capire meglio. In realtà quello che io vedo, mettendo a confronto i video proposti, è che Santoro ha risposto allo stop elettorale richiesto per trasmissioni come la sua, e che ha colto l'occasione per prospettare una nuova figura di giornalista che potrebbe risultare gradita a politici e loro amici. Certo, il video proponeva l'accoppiata Vespa - Berlusconi; ma è colpa di Santoro se, in quell'occasione come in altre, l'impavido giornalista ha mantenuto un certo tenore nell'intervista?
Una delle accuse di Vespa è, poi, che Santoro avrebbe "montato" ad arte il filmato, omettendo la parte in cui si lanciava in insistenti, pericolose e ardite domande; è vero, è stata mandata in onda solo una parte della ghiotta scenetta, ma perché Santoro voleva mostrare quello che in molti preferirebbero vedere in un giornalista, cioè zero domande e libera, leggera, scazzatissima conversazione su nipotini, "sacra famiglia" e battutine da bar sulla sacra ricorrenza, tutta politica, di San Valentino.
E poi, guardate quest'altro video, in cui Travaglio racconta un episodio che lo riguarda, legato a Porta a porta. Anche Vespa ha fatto opera di montaggio, mandando in onda, decontestualizzato, un intervento di Marco Travaglio sul suo Passaparola.
Alla fine, chi ha dimostrato cosa? Santoro, che Vespa è un ex giornalista? o Vespa, che Santoro è uno dei pochi giornalisti che si ostina a dare notizie sul caro presidente barzellettiere?
Entrambi hanno ottenuto, a mio parere, degli ottimi risultati in linea con i loro obiettivi.


     

Nessun commento:

Posta un commento