domenica 18 aprile 2010

Manco le ca**ate sono più quelle di una volta

Viviamo in "un paese dove tutto è capovolto, dove un mafioso è un eroe, dove un soldato mercenario è un eroe, e dove un chirurgo è invece un bombarolo. Che dire? Manco le cazzate sono più quelle di una volta".
Parola di Jack Folla. Roma, Piazza San Giovanni, 17 aprile 2010.
Pro-memoria. La Russa dice di "avere la sensazione che ci sia avversione nei confronti di chi compie un gesto di coraggio, eroico". Per gli inguaribili ottimisti e i corti di memoria: si riferiva ai mercenari sequestrati in Iraq nel 2004, sempre e solo quelli.


Ora possiamo ridere. Per fortuna Matteo, Marco e Matteo sono liberi, da innocenti. Sembra una sottolineatura superflua, ma non lo è in un paese in cui un prescritto viene annunciato dal principale tg nazionale come "assolto"; e dove un altro prescritto viene raccontato dal suo avvocato come "finalmente innocente" e venerato come un dio della politica...
ops mi rendo conto che qui la lista si potrebbe allungare, io intendevo riferirmi al primo e più grande (d'età) prescritto per associazione mafiosa, Giulio Andreotti e al suo avvocato, ora deputato (ma guarda un po'), Giulia Bongiorno, ma è una lista in continuo aggiornamento... 

1 commento:

  1. hai voglia di tenere aggiornata lista !!!
    son contento della loro liberazione ,anche se prevedibile,lo scopo primario era controllare l'ospedale e in questo son stati abili.
    ora il passo successivo sarebbe di riconsegnare l'ospedale a gino,senza ingerenze di sorta, ma qui prevedo tempi molto piu' lunghi ,se mai cio' avverra'.staremo a vedere.
    saluti

    RispondiElimina