venerdì 18 giugno 2010

Fringe

Così la mia fantasia si spegne. La loro realtà riesce sempre a sorprendere e a spingersi ogni volta più in là. 
L'ultima (credo): la "modica quantità" nella violenza sessuale contro minori. Il tutto infilato (con moderazione) nel grande disegno, quello della legge sulle intercettazioni. 
I firmatari si sono fatti piccoli piccoli, che ironia!, dopo il polverone suscitato dall'ennesima porcata. Ma qualche ometto di buona volontà li ha messi alla luce. La loro illuminata proposta prevedeva di abolire l'obbligo di arresto in flagranza nei casi di violenza sessuale nei confronti di minori, se di "lieve entità".

Eccoli, memorizzate bene:


sen. Maurizio Gasparri (Pdl),
 
sen. Federico Bricolo (Lega Nord Padania), ossia colui che proponeva il "carcere per chi rimuove un crocifisso da un edificio pubblico",
 
sen. Gaetano Quagliariello (Pdl),
 
sen. Roberto Centaro (Pdl),
 
sen. Filippo Berselli (Pdl), il quale ha dichiarato "di essere stato iniziato al sesso da una prostituta",
 
sen. Sandro Mazzatorta (Lega Nord Padania), che ha cercato di introdurre nel nostro ordinamento vari "emendamenti per impedire i matrimoni misti",
 
sen. Sergio Divina (Lega Nord Padania), che ha detto che "i trentini sono come cani ringhiosi e che capiscono solo la logica del bastone".



2 commenti:

  1. ma è passata la proposta o è stato scampato il pericolo?

    RispondiElimina
  2. Si tratta di un emendamento alla cosiddetta legge bavaglio, approvata qualche giorno fa al Senato. Si aspetta la conclusione dell'iter.

    RispondiElimina