lunedì 23 agosto 2010

Pontifex: la fine del mondo

Mi ero posta l'obiettivo di monitorare il sito Pontifex, in seguito allo sconcerto misto a rabbia che mi aveva  procurato la lettura di alcuni "editoriali" e articoli, come viene specificato nel sito, di ispirazione/matrice cattolica. Proprio così.
Quello che non mi aspettavo era la mole di materiale altamente infiammabile (non nel senso che dovrebbe essere dato alle fiamme per tentarne una "purificazione"...no no no).
L'editoriale-tipo è articolato così:
attacco contro i non cristiani/ebrei/omosessuali/comunisti/preti "modernisti";
sequela di minacce, insulti e battutine che tentano di essere spiritose o sarcastiche non so, non saprei definirle;
invito alla preghiera;
Dio è amore.
L'andamento del ragionamento ha un non so che di conosciuto... qualcosa tipo "coglioni comunisti, giudici malati di mente, ecc... l'amore vince sempre sull'invidia e sull'odio". Amen.
Nel mio piccolo cervello sconsacrato pensavo di dover/poter commentare certe oscenità, ma mi sono resa ben presto conto che non ci riesco. Mi limiterò, dunque, a riportare il best of.
Non posso, però, fare a meno di segnalare (deformazione professionale, che volete...) l'italiano spesso approssimativo e con una ortografia vaga, anche di chi si definisce giornalista e scrittore, ma forse perché la passione e il fervore della fede spinge a cavalcare furiosamente sui tasti, e loro non hanno certo le manine con manicure di certi depravati, le ditone dove pigiano pigiano...
Se Dio c'è, che ci salvi dai cretini!

Nessun commento:

Posta un commento