sabato 23 ottobre 2010

Bella...ciao!

Caserta, 22 ottobre 2010. Un ragazzo viene aggredito a pugni e calci e minacciato con un coltello per sottrargli il motorino. Il fatto  in sé non avrebbe, purtroppo, nulla di straordinario, se non il luogo in cui si è svolto: non solo in pieno centro ma davanti alla Questura. La madre del ragazzo si chiede: dov'erano le forze del cosiddetto ordine quando servivano? 
Be', ma dove vive? Ma non lo sa che per contratto si interviene con fumogeni e manganello solo in presenza di manifestanti, specie se vestiti in modo approssimativo, e se intonano canti violenti e inneggianti alla violenza come Bella ciao, o se invocano più attenzione per la salute pubblica? Ma che vada a fare un master da Ivan!

Nessun commento:

Posta un commento